Archivi categoria: Ambiente

BIOPISCINE URBANE NEI CANALI E SUI FIUMI: TRE PROGETTI A NEW YORK, BERLINO E LONDRA

Sfruttare le acque dei fiumi e dei canali per farne delle biopiscine urbane all’aperto: questa è l’iniziativa rivoluzionaria portata avanti da tre città.

Un tempo d’estate ci si poteva immergere nelle acque dei fiumi cittadini per rinfrescarsi contro il caldo torrido. Oggi molti corsi d’acqua sono talmente inquinati da essere diventati nocivi per la salute dell’uomo.

L’articolo nel nuovo indirizzo:http://www.pianetablunews.it/?p=21924

IL NIÑO HA UNA PROBABILITÀ DEL 60% DI DURARE PER TUTTO IL 2015. IPOTESI DOPPIAMENTE INQUIETANTE

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA)  sostiene che vi è  una possibilità del 60 per cento che El Niño dichiarato nel marzo  possa continuare per tutto l’anno. El Niño è un modello di tempo”caratterizzata da temperature insolitamente calde nelle acque equatoriali  del Pacifico equatoriale.”
Forti eventi di  El Niño sono associati con condizioni meteorologiche estreme intorno al globo specie per quanto riguarda le temperature, le ondate di caldo nonché  gli eccessi in piovosità e/o piovosità in alcune note aree del globo.

L’articolo continua nel nuovo indirizzo:http://www.pianetablunews.it/?p=21742

Jellyfish Barge, la serra galleggiante italiana che produce cibo col fotovoltaico

jelly cover
Jellyfish Barge è tra i 5 finalisti del premio mondiale delle Nazioni Unite “UNECE Ideas for Change Award, che sarà assegnato il prossimo 14 aprile. Si tratta di una serra modulare costruita su piattaforma galleggiante in grado di garantire sicurezza idrica e alimentare a due nuclei famigliari, fornendo acqua e cibo senza pesare sulle risorse esistenti. A dare la notizia del premio è stato l’assessore all’agricoltura e foreste della Regione, Gianni Salvadori.

“Il 14 aprile con il team guidato dal professor Stefano Mancuso dell’Università di Firenze (Pnat Srl – Dispaa) che ha realizzato la serra – ha spiegato l’assessore – siamo stati invitati presso il Palais des Nations di Ginevra dove i delegati di 56 Paesi membri e una giuria di esperti voteranno per il vincitore finale. Naturalmente la Toscana farà del suo meglio per vincere – ha concluso Salvadori – ma essere fra i 5 finalisti di un premio mondiale è già un bel riconoscimento della capacità di innovazione della nostra Regione.”

Jellyfish Barge è un sistema in grado di produrre alimenti senza il consumo del suolo, di acqua dolce e di energia chimica. E’ composta di un basamento in legno di circa 70 metri quadrati, che galleggia su fusti di plastica riciclati. Al di sopra viene montata una serra in vetro per le coltivazioni. All’interno – come spiega la scheda tecnica – un sistema di coltivazione idroponica garantisce un risparmio del 70% di acqua rispetto alle colture tradizionali, grazie al riuso dell’acqua.

Continue reading Jellyfish Barge, la serra galleggiante italiana che produce cibo col fotovoltaico

Ecco perché l’alluminio limita la crescita delle piante

earth-312794_1280-360x270

A volte la terra smette di essere produttiva: si stima che negli ultimi 40 anni circa un terzo dei terreni coltivabili di tutto il mondo sia stata persa in questo modo. Uno degli elementi responsabili di questo processo è l’alluminio, che costituisce un problema in particolare per i suoli acidi, circa il 40% dei terreni agricoli del mondo, in cui i minerali si dissolvono e rilasciano in soluzione il metallo, che poi limita la crescita delle piante. Nonostante gli effetti dell’alluminio fossero noti sin dai primi del Novecento, le ragioni alla base della sua tossicità non sono mai state comprese fino in fondo. Oggi, uno studio pubblicato sulla rivista Plant Physiology, e realizzato dall’Università del Queensland (Australia), l’Università dell’Australia del Sud, l’Università di Oxford ed Elettra Sincrotrone Trieste in Area Science Park, aiuta a chiarire i meccanismi di tossicità dell’alluminio,

Continue reading Ecco perché l’alluminio limita la crescita delle piante

25 Green l’edificio a piani forestali multicolori a Torino 

 L’edificio originale ed ecologico è stato progettato dall’architetto italiano Luciano Pia.

La torre di cinque piani porta gli alberi e le piante a diverse altezze in grossi piatti. L’oggetto dell’architetto è quello di rompere la monotonia degli edifici che vediamo in città e fare facciate abitabili per le piante e per gli inquilini.  Continue reading 25 Green l’edificio a piani forestali multicolori a Torino 

Baccelli di sepoltura potrebbero trasformare i cimiteri In foreste

invece di essere sepolto in una bara, un corpo viene inserito in un baccello biodegradabile, e posto sotto un albero /Photo credit: Rypley via Imgur

I cimiteri occupano un sacco di spazio, e per cremare una persona si può utilizzare tanta energia quanto quella utilizzata da una persona in vita   in un mese .

Ora, due designer italiani vogliono trasformare i cimiteri in foreste commemorative. Secondo il sito web Capsula Mundi , l’idea è di mettere il corpo in posizione fetale in una capsula a forma di uovo fatta di amido di plastica. Una volta che la capsula è sepolta (come un seme), un albero viene piantato sulla parte superiore e successivamente curato da parenti e amici.

Continue reading Baccelli di sepoltura potrebbero trasformare i cimiteri In foreste

I 10 paesaggi “alieni” sulla Terra

posti alieni

Abbiamo fatto enormi passi avanti verso la ricerca di pianeti extrasolari e il rilevamento di altri mondi nel nostro sistema solare. Tuttavia, senza andare troppo lontano (cosa che alla maggior parte di noi non sarà comunque possibile!), basti sapere che ci sono angoli remoti della nostra Terra che potrebbero essere facilmente scambiati per strani paesaggi alieni. Come il nostro corpo!

Continue reading I 10 paesaggi “alieni” sulla Terra