Archivi tag: Nana bruna

Per la prima volta trovate oltre il sistema solare nubi d’acqua ghiacciata in una nana bruna

nana brunaNuvole d’acqua ghiacciata ‘intraviste’ per la prima volta al di fuori del nostro Sistema Solare, si troverebbero nell’atmosfera di una nana bruna, un ‘ibrido’ tra una stella e un pianeta gigante. Sono descritte sulla rivista Astrophysical Journal Letters dal gruppo dell’Istituto Carnegie di Washington coordinato da Jacqueline Faherty, che le ha osservate grazie al telescopio Magellano Baade. Quello che hanno visto gli astronomi non sarebbero semplici tracce di vapore d’acqua, ma vere e proprie formazioni nuvolose Continua a leggere

NASA: WISE E SPITZER SCOPRONO LA NANA BRUNA PIÙ FREDDA A 7,2 ANNI LUCE DA NOI

WISE J085510.83-071442.5 nana bruna
Credit: NASA/JPL-Caltech/Penn State

I telescopi della NASA Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE) e Spitzer hanno individuato quella che sembra essere la nana bruna più fredda conosciuta finora, gelida come il Polo Nord terrestre.

La nuova scoperta si guadagna anche il titolo del quarto sistema più vicino al nostro, trovandosi solo a 7,2 anni luce di distanza. Continua a leggere

Nessun gigante gassoso vicino a noi.Il decimo pianeta non c’è

Al di fuori del nostro Sistema solare non ci sono pianeti di grande massa. Ma nel raggio di 500 anni luce ci sono oltre 3.500 stelle e nane brune. Questi i risultati di due studi ottenuti dai dati raccolti dall’osservatorio spaziale WISE.Di Marco Galliani.

Il terzo sistema stellare binario più vicino al sole, scoperto dal telescopio spaziale WISE nel marzo 2013. Crediti: NASA/JPL/Gemini Observatory/AURA/NSF
Il terzo sistema stellare binario più vicino al sole, scoperto dal telescopio spaziale WISE nel marzo 2013. Crediti: NASA/JPL/Gemini Observatory/AURA/NSF

Inutile cercarlo, il leggendario decimo pianeta del Sistema solare non c’è, con buona pace dei catastrofisti che di tanto in tanto ne preannunciano la sua apparizione per portare immani sconquassi anche sulla Terra. Ad annunciarlo è l’Agenzia Spaziale Statunitense con un comunicato sull’ultima, estesa analisi dei dati provenienti dalla missione WISE (Wide-Field Infrared Survey Explorer). Questo osservatorio orbitante tra il 2010 e il 2011 ha scansionato completamente per due volte l’intero cielo nell’infrarosso, individuando 750 milioni di oggetti celesti, tra asteroidi, stelle e galassie. Lo scorso novembre la NASA ha rilasciato il catalogo completo di questa dettagliata indagine, che gli astronomi hanno utilizzato anche per confrontare i dati della prima e della seconda campagna osservativa, al fine di evidenziare oggetti celesti in movimento sul piano del cielo. Continua a leggere