Archivi tag: la prima volta

Viaggio al centro della terra per scoprire l’origine degli tsunami

Un team di scienziati raggiungerà, per la prima volta, il punto dove si scontrano le placche tettoniche.

51902461-586x424

Venerdì scorso un team di sismologi ha intrapreso una missione di studio della crosta terrestre al largo del Giappone. Lo scopo è di comprendere l’origine dei terremoti. Continua a leggere

Perché gli uomini tradiscono più delle donne

Detail-flirtGli uomini tradiscono più delle donne? A quanto pare sì. La causa però non sarebbe uno scarso autocontrollo, come ritenuto in precedenza da molti psicologi, ma piuttosto la presenza nel genere maschile di impulsi sessuali più intensi, e difficili da dominare, di quelli femminili. È quanto emerge da uno studio della Texas A&M University, pubblicato sulle pagine della rivista Personality and Social Psychology Bulletin.

Non è certo la prima volta che gli psicologi indagano la tendenza al tradimento. Era già stato verificato infatti che gli uomini sono molto più propensi delle donne a inseguire i partner “off limits”, ma riguardo alle cause di tale comportamento esistevano ancora due ipotesi alternative. Continua a leggere

Cervelli connessi via Web

Il video della prima interazione tra  cervelli di due persone: uno pensava l’altro eseguiva. Per ora funziona con comandi molto semplici.

highlights-cerv copia

Due cervelli umani collegati tra loro, in modo che uno pensa a un’azione e l’altro la compie. Non è roba da Young Frankenstein, ma realtà – per quanto possa sembrare fantascientifico: uno scienziato della University of Washington è infatti riuscito a interagire a distanza con il cervello di un collega, controllando il movimento della sua mano destra. È la prima volta che un esperimento del genere viene eseguito su esseri umani: finora le ricerche si erano concentrate soprattutto sull’interazione cervello-computer, in cui i segnali cerebrali sono tradotti in comandi digitali che muovono un braccio meccanico o un cursore su uno schermo. Questa volta, invece, dall’altra parte del circuito c’era un altro essere umano. E, almeno stando alla testimonianza video, sembra che la prova abbia avuto esito positivo.  Continua a leggere

Tsunami nel Mediterraneo, adesso la scienza conferma che sono possibili: Italia a rischio?

Provengono forse dalle faglie di Messina i più devastanti terremoti nazionali: Urania cerca la risposta nei fondali marini.DLuca Aterini

Tsunami-cause-largeNon solo terremoti, ma anche tsunami. Adesso l’Italia sa che può essere necessario saper affrontare un pericolo in più, anche al sicuro all’interno di quella grande pozza salata che è il Mar Mediterraneo, così piccola in confronto agli oceani e alle gigantesche masse d’acqua che contengono.

A dare la notizia è la ricercatrice italiana Alina Polonia, dell’Ismar Cnr di Bologna: «È stato possibile ricostruire per la prima volta anche l’effetto del più grosso e dibattuto terremoto Mediterraneo noto ai cataloghi storici. Si tratta del terremoto di Creta del 365 d.c. (magnitudo stimata superiore a M=8) che ha provocato uno tsunami in tutto il Mediterraneo e la deposizione di un corpo sedimentario sui fondali marini spesso fino a 25 m. Questa scoperta dimostra che il Mediterraneo può essere sede di grossi terremoti tsunami genici, e quindi lo studio delle strutture tettoniche sottomarine e/o prossime a costa risulta di fondamentale importanza». Continua a leggere

UN PIANETA EXTRASOLARE BLU COME LA TERRA SCOPERTO DA HUBBLE

HD 189733b
Credit: NASA, ESA, M. Kornmesser

Per la prima volta gli astronomi sono stati in grado di osservare il colore di un pianeta extrasolare nelle lunghezze d’onda della luce visibile: la sua atmosfera è di un affascinante profondo blu cobalto.

Il pianeta è HD 189733b a soli 63 anni luce dalla Terra: secondo gli scienziati, piogge di vetro e venti superveloci creerebbero questa colorazione a noi tanto familiare. Continua a leggere

Il mostro di Loch Ness è un terremoto ?

Sono trascorsi più di 1.500 anni da che un monaco, Columba, lo “vide” per la prima volta. Da allora Loch Ness è stato “osservato” per centinaia e centinaia di volte. Spesso fotografato, anche se mai in una risoluzione tale da identificarne forme e specie, ma mai “catturato“. Le spiegazioni della sua comparsa si accumulano negli anni: illusioni, falsificazioni, piccole imbarcazioni, tronchi d’albero e così via. Ma ora ecco una nuova ipotesi: si tratterebbe di un fenomeno legato alla geologia del luogo. Lo sostiene Luigi Piccardi, ricercatore presso il Centro di Studio per la geologia dell’Appennino e delle catene perimediteranee del Cnr di Firenze), il quale lavora anche nello studio che vi sono tra geologia e mitologia. Continua a leggere

Scoperta in Sud America la prima tomba della misteriosa civiltà Wari

In Sud America gli archeologi hanno scoperto la prima tomba intatta dell’antica e misteriosa civiltà Wari, portando alla luce i corpi mummificati di tre regine accanto a un tesoro d’oro e macabri sacrifici umani. Ha fornito un gran numero di informazioni sull’enigmatico impero Wari che ha dominato le Ande prima dei conosciutissimi successori Inca. Il cosiddetto ‘Tempio dei morti’ ha 1.200 anni ed è stato trovato in località El castillo de Huarmey, a 4 ore di macchina dalla capitale del Perù, Lima Continua a leggere

Diete rapide ed effetto yo-yo

Con l’arrivo dell’estate, torna la voglia di rimettersi in forma per affrontare la tanto temuta “prova costume”. Non a caso, proprio nei mesi più caldi quasi tutte le testate giornalistiche o i programmi televisivi propongono diete dimagranti ipocaloriche ed i più ricorrono alle diete “fai da te” per pedere molti chili in pochi giorni.
Ma si possono davvero perdere molti chili in pochi giorni?

Fonte:http://www.dietabianchini.com/2013/06/diete-rapide-ed-effetto-yo-yo.html#more Continua a leggere

Ricercatori scoprono api e fiori che comunicano tramite campi elettrici

ape
Foto: Annemarie Mountz

I fiori hanno metodi di comunicazione che sono almeno altrettanto sofisticati come quelli ideati da una qualsiasi agenzia pubblicitaria, secondo un nuovo studio, pubblicato su Science Express da ricercatori dell’Università di Bristol. La ricerca mostra per la prima volta che impollinatori come bombi sono in grado di trovare e distinguere i segnali elettrici trasmessi dai fiori. Tuttavia, ogni annuncio per avere successo, deve raggiungere, ed essere percepito dal suo target di riferimento. Continua a leggere

Per la prima volta ottenuti i “cristalli viventi”

Sono stati ottenuti i primi cristalli ’viventi’, che si assemblano come stormi di uccelli grazie a particelle attive, dotate di un micromotore che si accende con la luce. Il risultato, annunciato sulla rivista Science, si deve a un gruppo coordinato da Jeremie Palacci, dell’universita’ di New York, al quale ha partecipato anche il fisico italiano Stefano Sacanna. Il metodo e’ molto interessante per la progettazione di materiali per l’elettronica che si autoa-assemblano o auto-riparano con la luce Continua a leggere

Creato dai ricercatori un vero raggio traente ispirato ai film di star trek

Un team di scienziati provenienti dalla Scozia e dalla Repubblica ceca ha creato un vero raggio “traente”, che compare nei film di Star Trek, che per la prima volta permette a un raggio di luce di attirare gli oggetti.

Star Trek 'trattore' trave in miniatura creato dai ricercatori
All’interno del sistema sperimentale, un fascio di luce viene convertito in un dispositivo di trazione, che raccoglie micro-oggetti proprio come quando si utilizza una catena.

Continua a leggere