Archivi tag: american astronomical society

UN PASSO VERSO LA TEORIA DEL TUTTO.Teoria delle stringhe? La prova dallo spazio

Un gruppo di ricerca della Towson University ha ipotizzato che la teoria delle stringhe potrebbe essere dimostrata dall’osservazione del moto dei pianeti del Sistema solare. I primi risultati presentati a Washington al congresso dell’American Astronomical Society. Di Giulia Bonelli.

Deformazione dello spazio-tempo. Crediti: NASA
Deformazione dello spazio-tempo. Crediti: NASA

Continue reading UN PASSO VERSO LA TEORIA DEL TUTTO.Teoria delle stringhe? La prova dallo spazio

IRISH TIMES: POREMMO ESSERE DI FRONTE AD UNA NUOVA PICCOLA ERA GLACIALE

Il sole si comporta stranamente e gli scienziati non hanno idea del perché.
L’attività solare è in graduale diminuzione, un cambiamento rispetto alla norma, che in passato ha innescato una Piccola Età del Ghiaccio di 300 anni.
Tre scienziati solari principali hanno presentato i dati più recenti circa l’attività solare in indebolimento ad una teleconferenza del  11 luglio a Boulder, in Colorado, organizzato dall’American Astronomical Society .
E ‘caratterizzata da esperti Nasa , l’Osservatorio ad altitudine elevata e la National Solar Observatory che ha descritto come l’attività solare, come misurata dalla formazione di macchie solari e da massicce esplosioni sulla superficie del sole, è in calo costante dalla metà degli anni 1940.
Il sole passa attraverso un normale ciclo di 11 anni con un massimo, quando l’attività delle macchie solari è al suo apice, seguito da un minimo numero di macchie solari, quando sono ridotte e sono più piccole e meno energiche.
Dovremmo essere a un picco di attività, al massimo solare. Continue reading IRISH TIMES: POREMMO ESSERE DI FRONTE AD UNA NUOVA PICCOLA ERA GLACIALE

“I pianeti come Tatooine possono ospitare la vita”

Diavolo di un George Lucas. La mente geniale del creatore della saga di “Star Wars”- “Guerre Stellari”, qui da noi- ci ha preso in pieno, nell’immaginare il pianeta dell’eroico Luke Skywalker, Tatooine,  illuminato da una coppia di soli. Adesso anche i ricercatori sostengono che le stelle binarie offrono le maggiori possibilità di ospitare la vita.

TATOOINE, IL PIANETA CON DUE SOLI DI “GUERRE STELLARI”

Avere nel proprio cielo due astri accoppiati potrebbe infatti essere molto utile per evitare o almeno per limitare i danni provocati dal bombardamento dei venti solari, consentendo così anche l’estensione della cosiddetta Fascia di Abitabilità- o “Goldilocks Zone“, come amano definirla gli anglosassoni. A formulare questa ipotesi è stata Joni Clark, una laureanda presso l’Università statale del New Mexico, durante il 222esimo meeting dell’ American Astronomical Society. Continue reading “I pianeti come Tatooine possono ospitare la vita”

Raro allineamento stellare per Proxima Centauri: un’opportunità per cercare altri mondi

Credit: NASA
Credit: NASA

Nei prossimi anni il telescopio spaziale Hubble della NASA, avrà due opportunità per andare a caccia di pianeti delle dimensioni della Terra. La ricerca sarà svolta nei pressi della nana rossa Proxima Centauri, la stella più vicina a noi, grazie ad un particolare allineamento stellare. Nel mese di Ottobre 2014 e nel Febbraio 2016, la stella passerà davanti ad altre due stelle: “la traiettoria offrirà una interessante opportunità” ha detto Kailash Sahu, un astronomo dello Space Telescope Science Institute di Baltimora, che ha presentato il suo lavoro al meeting della American Astronomical Society a Indianapolis. Le nane rosse rappresentano la classe stellare più comune nella nostra galassia, tanto da riscontrarne dieci per ogni stella simile al Sole. Si tratta di astri meno massicci di altre stelle e poichè proprio questa caratteristica permette la presenza di pianeti più piccoli, le nane rosse sono luoghi ideali per andare a caccia di pianeti delle dimensioni della Terra. Continue reading Raro allineamento stellare per Proxima Centauri: un’opportunità per cercare altri mondi

Trovate le tracce di una forza sconosciuta che rallenta la materia oscura

Detail-forza oscura

Uno spettro si aggira per l’Universo. Non è una metafora del tutto inappropriata: si tratta infatti di una forza sfuggente e misteriosa, finora mai osservata dagli scienziati, a cui sembra essere sottoposta soltanto la materia oscura. Il bizzarro annuncio arriva a seguito dello studio del Musket Ball Cluster, un enorme oggetto celeste che si trova nella costellazione del Cancro, a 5,23miliardi di anni luce dalla Terra. Continue reading Trovate le tracce di una forza sconosciuta che rallenta la materia oscura

Ci sarebbero 17 miliardi di mondi delle dimensioni della Terra nella galassia.

La ricerca di un gemello della Terra si sta riscaldando. Con l’utilizzo della sonda Kepler della NASA, gli astronomi stanno iniziando a trovare pianeti di dimensioni della Terra  in orbita attorno a stelle lontane. Una nuova analisi dei dati di Kepler mostrano che circa il 17 per cento delle stelle ha un pianeta delle dimensioni della Terra, in un orbita più vicino di quanto sia Mercurio al sole. Dal momento che la Via Lattea ha circa 100 miliardi di stelle, ci sono almeno 17 miliardi mondi delle dimensioni della Terra là fuori.

Studio: Almeno uno su sei stelle dispone di un pianeta delle dimensioni della Terra
Illustrazione artistica rappresenta la varietà di pianeti  rilevati dalla sonda Kepler della NASA. Una nuova analisi ha determinato la frequenza di pianeti di tutte le dimensioni, da Terre fino a giganti gassosi. I principali risultati indicano il fatto che una su sei stelle ospita un pianeta delle dimensioni della Terra con un’orbita di 85 giorni o meno, e che quasi tutte le stelle simili al Sole hanno un sistema planetario di qualche tipo. Credit: C. & D. Pulliam Aguilar (CfA)

Continue reading Ci sarebbero 17 miliardi di mondi delle dimensioni della Terra nella galassia.

Nuovo pianeta nel sistema solare? Alcuni sperano possa essere Nibiru

Astronomo brasiliano dichiara: Nibiru esiste!

Nibiru? Troppo lontano per essere facilmente notato da telescopi- Il pianeta invisibile sembra far sentire la sua presenza disturbando le orbite dei cosiddetti oggetti della fascia di Kuiper, ha detto Rodney Gomes, astronomo presso l’ Osservatorio Nazionale del Brasile a Rio de Janeiro. Continue reading Nuovo pianeta nel sistema solare? Alcuni sperano possa essere Nibiru