Archivi tag: alieni

bushman-area-51-alieni-ufo-video

Area 51, gli alieni esistono: confessione shock dello scienziato prima di morire – VIDEO

Continua a leggere

Il creazionista Ken Ham alla Nasa: inutile cercare gli alieni, non sono nel disegno di Dio

 Siamo tutti peccatori anche gli alieni, parola di Ken Ham il più celebre creazionista americano attualmente CEO dell’associazione Answers in Genesis e presidente del Creation Museum di Petersburg. “La Bibbia parla chiaro, gli alieni sono destinati ad andare all’inferno perchè a differenza del genere umano, che discende direttamente da Adamo, non hanno alcuna possibilità di salvarsi e redimersi e sono destinati alla pena eterna ha dichiarato l’uomo in un’intervista. Ken Ham si è scagliato contro la Nasa dopo che la scorsa settimana l’Agenzia Spaziale era arrivata a ipotizzare che entro i prossimi 20 anni l’uomo potrebbe scoprire altre forme di vita nell’universo“E ‘altamente improbabile nella vastità illimitata dell’universo che noi umani siamo soli”. aveva dichiarato l’amministratore della NASA Charles Bolden in una conferenza. Kem Ham già celebre per altre crociate contro la scienza ufficiale e per alcuni dibattiti televisivi, ha definito la ricerca degli alieni uno spreco di denaro pubblico.

Continua a leggere

Gran Bretagna, il raduno di addotti e contattati

C’è chi parla da anni con gli Alieni, chi ha sviluppato poteri particolari dopo aver viaggiato su un Ufo e chi addirittura ha partorito ibridi extraterrestri. Alcuni, per questo, sono finiti sulle prime pagine dei giornali. Ci saranno anche loro, all’incontro promosso dall’AMMACH, il gruppo di sostegno psicologico per coloro che affermano di aver vissuto queste esperienze straordinarie.

CONTATTATI ED ADDOTTI SI RITROVANO AD HASTINGS
CONTATTATI ED ADDOTTI SI RITROVANO AD HASTINGS

Continua a leggere

QUANDO 60 BAMBINI VIDERO UN MEZZO ALIENO ATTERRARE NEL CORTILE DELLA SCUOLA E INCONTRARONO GLI ESSERI GRIGI

Correva l’anno 1994 e il 16 Settembre accadde un fatto che ancora ad oggi risentirlo fa venire la pelle d’oca: 60 alunni della scuola “Ariel” di Ruwa, in Zimbabwe, videro con il loro occhi una grossa navicella aliena, accompagnata da altre, atterrare nel cortile della loro scuola ed incontrarono gli occupanti. Numerose segnalazioni di UFO nel cielo del Sud Africa vennero riportate proprio due giorni prima. E’ uno tra i casi più eccezionali dell’Ufologia moderna e merita di essere ricordato.

Di seguito, il report della antropologa e ricercatrice Dominique Callimanopulos che assieme al dottor John Mack – psichiatra ad Harvard che studiò il fenomeno delle Abdcution (scomparso in circostanze sospette nel 2004), si recò sul posto per raccogliere le testimonianze dei bambini. La fondazione “John E. Mack Institute” ha anche prodotto un video-documentario con interviste agli scolari e ai docenti, purtroppo in inglese, reperibile su Youtube. Continua a leggere

Gli UFO a 66 anni da Roswell: non ci sono, ma li stiamo cercando

C’è chi grida al complotto e chi è sicuro di averli incontrati, ma gli extraterrestri ancora non si sono fatti vedere, anche se li stiamo cercando (scientificamente).

Gli UFO a 66 anni da Roswell: non ci sono, ma li stiamo cercando.

Metà delle persone che stanno leggendo questo articolo sono convinte che gli UFO siano veri, che gli alieni non solo esistano ma ci facciano continuamente visita – con scopi buoni o cattivi – e siano coperti dal segreto assoluto con cui Stati Uniti e altre potenze internazionali cercano di nasconderne le prove. L’altra metà è invece convinta che siano tutte sciocchezze, che gli UFO siano solo illusioni ottiche, che forse le civiltà extraterrestri esistono ma sono lontanissime da noi e probabilmente non le incontreremo mai. A 66 anni dal famoso “incidente di Roswell”, dal nome della cittadina americana del New Mexico in cui nel 1947 fu rinvenuto un presunto disco volante con tanto di occupanti, il dibattito è ancora fermo a questo punto qui, a una cesura netta tra scettici e believers, i “credenti”, come si definiscono in gergo, alimentati dal famoso slogan della serie X-Files “I want to believe”, ossia “voglio crederci”. Nel frattempo sono successe tante cose. Agli avvistamenti hanno fatto seguito i tanti racconti di incontri ravvicinati del terzo tipo (così si definiscono gli incontri con gli occupanti alieni di un disco volante), le storie di rapimenti (le abductions) che spesso portano a crudeli vivisezioni, rimosse dalla memoria delle vittime e i cui ricordi sono recuperati attraverso ipnosi, e anche i cerchi nel grano, modo piuttosto pittoresco con cui gli extraterrestri cercano di comunicarci non si sa cosa. Però di prove definite non ce ne sono ancora. Continua a leggere

13 modi per cercare alieni intelligenti

Dove sono tutti gli alieni? Avremmo dovuto essere sondati, sterminati, assimilati, infetti, invasi o rapiti?

Il paradosso di Fermi riflette la mancanza di prove di altre  trasmissioni radio di civiltà intelligenti nell’universo. Di tutte le stelle e tutte le galassie del cosmo, com’è possibile che nessuna  razza aliena intelligente si sia presa la briga di contattarci? In entrambi i casi siamo in una lista interstellare, o noi siamo la forma più avanzata di vita, o  siamo l’ unica forma di vita nell’universo.

La ricerca di ogni forma di vita extraterrestre è una delle cose più profonde che, come specie, possiamo fare. Ma,  qualsiasi altra  forma di vita oltre i confini della Terra è ancora da scoprire, la ricerca di extraterrestri intelligenti (SETI) è  un ‘impresa molto ardua. Ancora, la ricerca continua e gli scienziati stanno pensando sempre  modi più estremi per mettere a punto la nostra  alta tecnologia di strumenti astronomici per rilevare l’intelligenza nelle stelle.

Ecco i modi strani e meravigliosi con cui gli scienziati sperano di trovare un alieno intelligente. Continua a leggere

Politico inglese annuncia: “sono padre e figlio di un Alieno”

Politico inglese annuncia: “sono padre e figlio di un Alieno”

Abbiamo appreso la notizia in modo assai curioso e la riportiamo come la riporta il quotidiano on “Leggo”. Si tratterebbe del consigliere comunale Simon Parkes, di Whitby, nel North Yorkshire, ha raccontato in una trasmissione televisiva di essere padre di un bambino avuto con un alieno. Il 53enne ha spiegato di avere rapporti sessuali con una creatura che chiama “Cat Queen” all’incirca quattro volte all’anno e che da uno di questi rapporti è nato un figlio che hanno chiamato Zarka. Inoltre, Parkes sostiene di essere a sua volta figlio di un’aliena alta poco meno di tre metri e con quattro dita per mano. Continua a leggere

Lone Signal: invia anche tu un messaggio agli alieni entro il 17 giugno

lone signal

Pronto, qui pianeta Terra. Gli alieni sono in casa? Invece di attendere passivamente che gli extraterrestri vengano a trovarci, se mai esistano, un nuovo progetto chiamato Lone Signal suggerisce di inviare nello spazio dei messaggi, in attesa che qualcuno li riceva.

Una sorta di programma Seti. Lo scopo? Far sapere ad un ipotetico qualcuno che ci siamo. Il 17 giugno sarà effettuato il primo tentativo in assoluto di invio dei messaggi. È possibile inviare i propri messaggi, registrandosi al sito dell’iniziativa e seguendo poi il percorso compiuto dal messaggio, e condividendolo con gli amici sui social network.  Continua a leggere

Presentati i “Protocolli di Contatto” al Convegno mondiale sugli UFO

 

primo-contatto-01.jpgGli alieni ci osservano da vicino, sebbene stando ai risultati fin qui raccolti siano poco propensi a entrare in contatto diretto con gli umani. Ma nel caso cambiassero idea e volessero approfondire la conoscenza, siamo sicuri di mettere in campo la mossa giusta per dare il benvenuto al vicino venuto da lontano?

I convenuti al Simposio Mondiale sull’Esplorazione dello Spazio e la Vita nel Cosmo, che si chiude oggi a San Marino, si portano avanti con i lavori e mettono a punto dei protocolli internazionali in caso di contatti con gli alieni.

I protocolli di contatto vengono definiti documenti senza precedenti che rivestono un’importanza indiscutibile anche perchè finora nessuno, in ambito scientifico e in ambito istituzionale, si era posto concretamente il problema. Continua a leggere

Nuovi pianeti e il cosiddetto progetto Serpo programma di scambio tra USA e una razza extraterrestre

anonymousNel vasto panorama ufologico capita di imbattersi in testimonianze che, di primo acchito, non possono non essere ascoltate con sospetto a causa della loro intrinseca deflagrante portata. Tuttavia, cosa pensare quando queste testimonianze trovano una precisa collocazione all’interno di un quadro di eventi di contorno la cui verità è acclarata?

E’ la domanda che occorre porsi in relazione al cosiddetto progetto Serpo, ossia un supposto programma di scambio, avvenuto tra gli Stati Uniti e una razza extraterrestre, nel quale dodici membri delle Forze Armate sarebbero andati sul pianeta Serpo nel 1965, per poi tornare sulla Terra nel 1978. Continua a leggere

Taiwan.fotografato alieno trasparente

Ne avevamo visti letteralmente di ogni colore, ma trasparenti- finora- mai. Eppure secondo un’ associazione ufologica di Taiwan ci sono anche loro: gli Alieni cristallini. Lo proverebbe uno scatto reso pubblico solo di recente e mostrato persino dalla tv nazionale, nel quale sembra esserci una creatura umanoide apparentemente invisibile.

LA FOTO IN QUESTIONE: ALL’ORIZZONTE SI NOTA UNA SAGOMA INCOLORE

Continua a leggere

Una storia che dopo settant’anni ancora non è caduta nel dimenticatoio:l’esperimento Philadelphia

01%2520-%2520esperimento%2520philadelphia.jpgL’esercito americano ha speso cifre incalcolabili per sviluppare armamenti di guerra: armi laser, motori nucleari, aerei ipersonici, macchine talmente incredibili da sembrare fantascienza. Per questo, quando si parla di eventi apparentemente impossibili, avvenuti in basi militari, ci si assicura che non sia vero?

Una storia in particolare ha stuzzicato la nostra fantasia, una storia che da oltre settant’anni rifiuta di cadere nel dimenticatoio. Potrebbe essere il più grande segreto militare di tutti i tempi: il teletrasporto di un intero cacciatorpediniere! La storia del “Philadelphia experiment”. Continua a leggere