Archivi categoria: Storia e archeologia

Stromboli2

Eccezionale scoperta a Stromboli: rinvenuto villaggio preistorico e ceramiche dell’Egeo

Stromboli“Saremo sullo Stromboli per entrare nel cuore di un villaggio preistorico vedere dal vivo lo svolgersi degli scavi archeologici in atto con risultati importanti ed osservare le varie fasi di formazione di un vulcano. Rinvenute capanne circolari e mura in pietrame risalenti alla Preistoria ma anche ceramiche e perle provenienti dall’Egeo”. Lo ha affermato Sara Tiziana Levi ,del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Modena e Reggio Emilia .

Continua a leggere

In Siberia è stato trovato un “giubbotto antiproiettile” dell’Età del Bronzo

In Siberia è stato trovato un "giubbotto antiproiettile" dell'Età del Bronzo

La corazza ossea, unica nel suo genere, che risale a 4000 anni fa, è stata trovata in una delle periferie della città di Omsk. E’ il primo reperto del genere mai trovato in Siberia. E’ stato l’archeologo locale Boris Konikov a fare questa scoperta. E’ stato messo in rilievo da The Archaeological Institute of America, mentre la notizia dell’antico “giubbotto antiproiettile” ha capeggiato la classifica dei top news dell’edizione “The Siberian Times”.

 

Continua a leggere

La mummificazione e le catacombe di Palermo in un libro

di Ivan Cenzi e Carlo Vannini (Editore Logos)

Il lettore viene accompagnato a scendere i gradini che conducono alle catacombe e, oltrepassato il cancello, eccole: le mummie. Riposano in piedi nelle nicchie bianche, nei loro antichi abiti, e assomigliano a una versione macabra delle vecchie foto in bianco e nero, in cui uomini con grandi baffi e donne con grandi sottane se ne stavano in posa, impalati come manichini. Tra queste spicca la piccola Rosalia, dolcemente adagiata nella sua minuscola bara: il suo volto è sereno, la pelle appare morbida e distesa, e le lunghe ciocche di capelli biondi raccolte in un fiocco giallo le donano un’incredibile sensazione di vita. Continua a leggere

Riemerge dai fondali nave scomparsa nell’Artico nel 1845: cercava il passaggio a Nord-Ovest

erebus-and-terrorIl premier canadese Stephen Harper lo ha oggi definito “un evento storico”: e’ stata ritrovata una delle due navi della spedizione britannica di sir John Franklin, che partirono nel 1845 alla ricerca del Passaggio a Nord-Ovest e scomparvero, con tutte le 130 persone di equipaggio, nella regione artica canadese. “Uno dei piu’ grandi misteri del Canada e’ stato risolto”, ha detto Harper. Continua a leggere

Eutanasia nella tradizione della Sardegna? Accabadoras, le sacerdotesse della morte

Accabadoras, le sacerdotesse della morte
di Claudia Zedda


C’era un tempo in cui la gente di uno stesso paese si conosceva per soprannome, un tempo nel quale la morte non era fatto di stato, un tempo in cui le strade al crepuscolo, poteva succedere venissero attraversate da piccole donnicciole che è d’obbligo immaginare vestite di nero. Non foss’altro per il loro tentativo di passare inosservate. C’era un tempo chi le chiamava sacerdotesse della morte e chi le chiamava donne esperte. Avete compreso delle nonnette alle quali mi riferisco? C’era chi le chiamava più sbrigativamente Accabadoras. Il termine è pregno di una sonorità tutta spagnola, e mai nessun altro sarà tanto evocativo. Continua a leggere

Tsunami, un rischio presente anche nel Mediterraneo

La nostra generazione, purtroppo, sa bene cosa accade quando gigantesche onde, prodotte in seguito ad un maremoto o ad un terremoto, investono le coste densamente abitate. Il ricordo dello tsunami che ha provocato un numero imprecisato e sconvolgente di vittime nell’Oceano Indiano nel 2004 ( c’è chi parla addirittura di 300 mila morti) e quello che ha devastato il Giappone nel 2009 ( almeno 20 mila morti) è ancora molto forte. Ma a rendere quelle tragedie ancora più dolorose è la consapevolezza che non sono eccezioni. Anzi: sono successe spesso in passato e possono ripetersi ancora in futuro, persino con maggior violenza.

IL CATASTROFICO TSUNAMI IN GIAPPONE, NEL 2009
IL CATASTROFICO TSUNAMI IN GIAPPONE, NEL 2009

Continua a leggere

Archeologia, grande scoperta in Sicilia: rinvenuti probabili cromlech e menhir nelle Madonie

mgl011“Nel cuore del Geoparco delle Madonie rinvenuti probabili monumenti megalitici costituiti da rocce monolitiche di grandezza variabile (Cromlech e Menhir) e Tholos recentemente riscoperti ancora carichi di mistero. Su questi monumenti sono in corso studi scientifici. Saliremo sul Monte Madonna dell’Alto per visitare il Santuario Mariano più alto d’Europa a quota 1819 metri. Petralia Sottana, in Sicilia , sede del Parco delle Madonie, ha deciso di aderire alla Settimana del Pianeta Terra promossa ed organizzata in tutta Italia dalla Federazione Italiana Scienze della Terra. Di recente siamo stati insigniti anche della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano ”. Lo ha affermato poco fa, Lucia Macaluso, Assessore ai Beni Culturali, Turismo e Spettacolo, Identità e cultura della Memoria del Comune di Petralia Sottana. Continua a leggere

“Liberea”, la biblioteca scomparsa di Ivan il Terribile

"Liberea", la biblioteca scomparsa di Ivan il Terribile

Secondo la leggenda, per salvare la biblioteca degli imperatori bizantini unica nel suo genere Sofia, nipote dell’ultimo imperatore Costantino XI, si è sposata con il Gran Principe di tutte le Russie, Ivan  III, portando in gran segreto da Costantinopoli a Mosca 70 carri contenenti i libri. Più tardi la raccolta è stata sopranominata la “Biblioteca di Ivan il Terribile”.

Continua a leggere

Nuovo sondaggio rivela: Stonehenge è circondato da monumenti insospettabili.

Credito fotot: Heritage Regno Unito. Stonehenge è circondato da monumemnts insospettabili.

Stonehenge, forse il più celebre monumento neolitico del mondo, è come un iceberg, con monumenti insospettabili ora rivelati sotto la superficie. Le scoperte hanno ampliato la gamma dei potenziali usi astronomici della possente struttura .

Ci sono voluti quattro anni per il The Stonehenge Hidden Landscape Project per rivelare 15 henges potenziali, con l’utilizzo di georadar e la scansione laser 3D. Alcuni di questi oggetti sono stati conosciuti per esistere in anticipo, ma poco si sa su di loro, mentre altri erano del tutto inattesi.

Continua a leggere

Scoperto un relitto fenicio a Malta, forse il più antico del Mare Mediterraneo.

Un relitto di un vascello fenicio è stato scoperto a circa 120 metri di profondità al largo del isola di Gozo. La notizia è stata data dal ministro maltese della Cultura, Owen Bonnici, che ha spiegato che si potrebbe trattare del più vecchio relitto fenicio mai scoperto nel Mediterraneo. Secondo il ministro, sommozzatori hanno già prelevato un numero considerevole di anfore ed altri oggetti di valore. Continua a leggere

I Neanderthal si estinsero molto prima di quanto pensiamo (e con il nostro aiuto)

neandertais

Un nuovo studio presso l’Università di Oxford, Regno Unito, afferma che i Neanderthal scomparvero dalla Terra circa 10.000 anni prima di quanto pensassimo. L’arrivo degli esseri umani moderni in Europa potrebbe essere stato l’innesco per l’estinzione dei nostri antichi cugini.

Secondo l’autore principale, Tom Higham, la nuova datazione dei fossili suggerisce che i Neanderthal sono stati isolati in alcune parti d’Europa e scomparvero presto, in coincidenza con l’arrivo dei primi esseri umani moderni in questi pezzi di terra. Continua a leggere