Archivi categoria: Storia e archeologia

I Tofet, i cimiteri fenici dedicati ai bambini

di Pierluigi Montalbano

Si tratta di santuari caratteristici dell’area mediterranea centrale.
Sono assenti in Libano, Spagna e Ibiza. Li troviamo in Tunisia (Soùsse e Cartagine), Sicilia (Mòzia, Solùnto e Lillibèo) e Sardegna, a Tharros, Sulci, Monte Sirai, Nora, Cagliari e Bithia. In Africa di età neo-punica, dopo la prima distruzione di Cartagine, abbiamo una proliferazione di tofet.
Sono santuari a cielo aperto in cui l’elemento preponderante non è l’edificio, anche se a volte può esserci. Il tophet è sempre circondato da un temenos (un recinto sacro), all’interno del quale c’è la deposizione di urne in ceramica e stele in pietra.
Generalmente si realizzava a nord dell’abitato in una posizione periferica e non veniva mai spostato: qualora si dovevano fortificare le città, per non spostarlo si arrivava a modificare il percorso delle mura. Le urne contengono le ceneri di fanciulli, infanti, agnelli e capretti e, sporadicamente, uccelli. I bambini potevano essere feti o neonati ma a volte si arrivava fino ai tre-quattro anni. Continue reading I Tofet, i cimiteri fenici dedicati ai bambini

“Il Vangelo perduto” riscrive la storia di Gesù?

“Gesù fu marito e padre”. Un’affermazione  sentita più volte: già in passato scrittori e sceneggiatori hanno ricamato epiche narrazioni sulla storia alternativa del Cristo, sposo di Maria Maddalena dalla quale avrebbe avuto dei figli. Ora a sostenere la tesi molto controversa, ritenuta un’eresia dalla Chiesa,  è un nuovo libro che si basa sulle presunte rivelazioni contenute in un testo antico almeno 1500 anni.

GLI AUTORI DEL LIBRO ALLA CONFERENZA STAMPA
GLI AUTORI DEL LIBRO ALLA CONFERENZA STAMPA

Continue reading “Il Vangelo perduto” riscrive la storia di Gesù?

C’è un tesoro sommerso nel relitto di Anticitera

Una spedizione subacquea avrebbe rivelato che la nave doveva essere la più grande dell’antichità mai ritrovata (e che ha ancora molte meraviglie da svelare).

C'è un tesoro sommerso nel relitto di Anticitera.
in foto: Brett Seymour, Copyright: Return to Antikythera 2014

Un gruppo di archeologi e sommozzatori greci ed internazionali ha recentemente recuperato alcuni splendidi reperti provenienti da un’antica nave greca naufragata circa 2.000 anni fa al largo di una remota e minuscola isola chiamata Anticitera, posta a mezzogiorno del Peloponneso: tra gli oggetti rinvenuti, alcune stoviglie e pezzi importanti del bastimento. Continue reading C’è un tesoro sommerso nel relitto di Anticitera

In Siberia è stato trovato un comune antenato dei cinesi e dei francesi

In Siberia è stato trovato un comune antenato dei cinesi e dei francesi

I cinesi e i francesi avevano un comune antenato. Gli scienziati sono giunti a questa straordinaria conclusione dopo aver decifrato il genoma dell’uomo antico. I suoi resti sono stati trovati su una riva del fiume siberiano Irtysh e hanno 45 mila anni! I parenti degli uomini dell’età così venerabile finora non sono mai stati trovati.

Continue reading In Siberia è stato trovato un comune antenato dei cinesi e dei francesi

L’enigma del “Candelabro di Paracas”, il maestoso geoglifo dell’antichità

Il Candelabro di Paracas è un gigantesco geoglifo inciso sul fianco di una collina della penisola di Paracas, a Pisco Bay. Alcune stime fanno risalire l’enigmatica formazione al 200 a.C., ma secondo alcuni studiosi l’incisione sarebbe molto più antica. Ad oggi, nessuno è in grado di dire con chiarezza cosa rappresenti o significhi.

candelabro-di-paracas

Continue reading L’enigma del “Candelabro di Paracas”, il maestoso geoglifo dell’antichità

Egitto, le piramidi erano bianche: la prova in un video

GizaErano bianche. Osservandole oggi sembra incredibile ma le piramidi di Giza apparivano così 4 mila anni fa. Senza i segni legati al tempo e causati dall’inquinamento e dallo smog tipici dei giorni nostri. Esse apparirebbero nella magnifica monumentalità con la quale furono pensate. È questo l’obiettivo di un breve documentario girato dall’egittologa Jacquelyn Williamson, dell’Harvard University, su Smithsonian Channel.

 

Continue reading Egitto, le piramidi erano bianche: la prova in un video

Messico, eccezionale ritrovamento archeologico in un tunnel segreto [FOTO]

ritrovamento messicoOssa, conchiglie, scheletri, piccole statue precolombiane: sono alcuni degli oggetti ritrovati in tre camere scavate nella roccia di un tunnel sotterraneo lungo 103 metri nel Tempio del serpente piumato, a Teotihuacan, il piu’ grande sito precolombiano del Centro e Nord America. A essere riportati alla luce sono stati circa 50 mila reperti. Continue reading Messico, eccezionale ritrovamento archeologico in un tunnel segreto [FOTO]

Immagini aeree rivelano misteriosi cerchi giganti in pietra in Medio Oriente

Cerchi di pietre enormi scoperti per via aerea in Medio Oriente sono stati fotografati ad alta risoluzione per rivelare la loro età e altri dettagli intriganti.

Per decenni, gli archeologi in Giordania cercando di capire il mistero di questi cerchi , chiamati “Grandi Cerchi”. Undici di loro sono stati costruiti con pareti in pietra, sono stati scoperti nella regione nel 1920 da aerei, e anche oggi gli scienziati non sono sicuri del loro scopo. Continue reading Immagini aeree rivelano misteriosi cerchi giganti in pietra in Medio Oriente

Perché le Chiese più antiche sono orientate astronomicamente verso est?

Articolo di Pierluigi Montalbano

Prima del XII d.C. le Chiese erano edificate secondo i canoni costruttivi e soprattutto di orientamento, stabiliti già nelle Costituzioni Apostoliche redatte nei primi secoli del cristianesimo. Sin dagli albori del cristianesimo era diffusa la tradizione di orientare i templi o più in generale i luoghi di culto verso la direzione cardinale est (Versus Solem Orientem) in quanto per i cristiani la salvezza era collegata alla generica direzione cardinale orientale. Continue reading Perché le Chiese più antiche sono orientate astronomicamente verso est?

La teoria della guerra indotta: il secondo conflitto mondiale e l’ascesa militare e tecnologica degli Stati Uniti d’America

La teoria della guerra indotta: il secondo conflitto mondiale e  l’ascesa militare e tecnologica degli Stati Uniti d’AmericaSettembre 1939: il finanziamento occulto da parte di entità bancarie e finanziarie americane ed europee alla Germania nazista e all’Unione Sovietica comunista aveva raggiunto il suo scopo, le ideologie opposte ed estreme erano cresciute, e di pari passo era cresciuto l’odio e la rivalità tra i due popoli.
Le due nazioni si erano indebitate, ed erano sull’orlo di una guerra sanguinaria. Qualsiasi sia stato l’esito della guerra, l’Occidente ne avrebbe ottenuto un enorme beneficio. Se avesse vinto la Germania, sarebbe comunque uscita stremata dal conflitto e avrebbe poi perso contro gli Alleati, che avrebbero avuto campo libero nella colonizzazione economica dell’Europa e dell’immenso spazio russo. Continue reading La teoria della guerra indotta: il secondo conflitto mondiale e l’ascesa militare e tecnologica degli Stati Uniti d’America