Archivi categoria: Spazio

Ecco come il corpo di Samantha Cristoforetti si adatterà alla vita nello Spazio

 Il 23 novembre la prima astronauta italiana partirà verso la Iss. Come reagirà il suo organismo?

(foto: -/AFP/Getty Images)
(foto: -/AFP/Getty Images)

 

Manca poco ormai: alle 21:57 di domenica 23 novembre l’avventura spaziale di Samantha Cristoforetti avrà infatti inizio, con il lancio dal cosmodromo russo di Bajkonur. @AstroSamantha si è preparata per quasi tre anni in previsione della missione sulla Stazione spaziale internazionale, addestrandosi a eseguire le procedure tecniche necessarie e allenando il suo fisico per affrontare la permanenza prolungata nell’ambiente spaziale. Nel suo caso però, quest’ultimo aspetto presenta alcune incognite. Se per gli astronauti maschi gli effetti dell’assenza di gravita sulla salute sono più noti, esistono invece molti meno dati su quali siano i pericoli nel caso dell’organismo femminile, visto il numero minore di donne che hanno partecipato a missioni spaziali.

Continue reading Ecco come il corpo di Samantha Cristoforetti si adatterà alla vita nello Spazio

Futura: @AstroSamantha Cristoforetti, ultimo collegamento prima del decollo. Come seguirla

ESA – 23 novembre ore 22.01 ora italiana, Samantha Cristoforetti effettuerà il lancio che la porterà per sei mesi all’interno della Stazione Spaziale Internazionale.
L’astronauta dell’ESA Samantha Cristoforetti in questa foto indossa la sua tuta pressurizzata Sokol al Centro Gagarin Addestramento Cosmonauti, in Russia durante la preparazione per la sua missione, denonominata Futura, di sei mesi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Continue reading Futura: @AstroSamantha Cristoforetti, ultimo collegamento prima del decollo. Come seguirla

Nuove “Isole Magiche” sui mari di Titano

Titano: Kraken Mare - isole magiche

Credit: NASA/JPL-Caltech/ASI/Cornell

La scorsa estate, Jason Hofgartner, studente laureato in scienze planetarie alla Cornell University, aveva scoperto un’insolita caratteristica geologica intermittente tra le immagini di Titano della sonda della NASA Cassini.
Il fenomeno transitorio, soprannominato “Isola Magica“, era apparso per la prima volta a 78° N, 123° E nel Ligeia Mare a luglio 2013, per scomparire di nuovo nelle osservazioni successive.
Ma quando la Cassini aveva effettuato un nuovo flyby il 21 agosto 2014, il curioso elemento era di nuovo lì, seppur con una conformazione diversa rispetto alla precedente, raddoppiando le sue dimensioni da circa 75 chilometri quadrati a circa 160 chilometri quadrati.

Ora, tra i dati radar SAR (Synthetic Aperture Radar Imager) rilevati durante lo stesso sorvolo, gli scienziati hanno scoperto altre due nuove caratteristiche luminose, questa volta nel Kraken Mare. Continue reading Nuove “Isole Magiche” sui mari di Titano

Philae, la sonda italiana che fa sognare il mondo intero tranne … l’Italia!

Sui giornali di tutto il mondo viene celebrata l’impresa di Philae: è un avvenimento storico, probabilmente anche più importante del primo sbarco dell’uomo sulla luna. Ma in Italia viene ignorato da media, politica e opinione pubblica nonostante gli strumenti e il progetto della missione siano tutti Made in Italy

Philae

Continue reading Philae, la sonda italiana che fa sognare il mondo intero tranne … l’Italia!

Rosetta, il lander Philae è atterrato inizia una nuova avventura

Dieci anni di viaggio e qualche mese, ora il lander è atterrato sulla cometa 67/p e per la missione inizia una nuova avventura che non ha precedenti nella storia dell’umanità.

CIVAROLIS_FLD_SC_20141112_143143189_18_0c
L’immagine mostra il sito dell’accometaggio visto dallo strumento ROLIS durante la fase di discesa del lander Philae da una distanza di circa 3 km, con una risulzione di 3 metri per pixel. Credits: ESA/Rosetta/Philae/ROLIS/DLR

Continue reading Rosetta, il lander Philae è atterrato inizia una nuova avventura

Studiosi siberiani scoprono un nuovo asteroide pericoloso

Studiosi siberiani scoprono un nuovo asteroide pericoloso

Un asteroide che potrebbe essere pericoloso per la Terra è stato scoperto dai ricercatori siberiani. Questa scoperta è stata fatta dalla rete di telescopi robot MASTER creata dall’Università statale di Mosca insieme con le università siberiane e con l’Osservatorio di Pulkovo a San Pietroburgo. Secondo gli specialisti, la potenza dell’esplosione di questo asteroide sarebbe mille volte più grande che nel caso del meteorite di Chelyabinsk.

Continue reading Studiosi siberiani scoprono un nuovo asteroide pericoloso

QUESITI E IPOTESI SULLA FRECCIA DEL TEMPO:UN PASSATO, DUE FUTURI

In uno studio su Physical Review Letters Flavio Mercati e i suoi colleghi ipotizzano alcune risposte al problema della “freccia del tempo” che potrebbero essere intrinsecamente legate alla natura complessa del nostro Universo. Di Corrado Ruscica.

L’immagine illustra la configurazione delle masse che evolvono sotto l’influenza della gravità newtoniana. Questi sistemi partono da un momento in cui la configurazione ha il minimo grado di complessità, che gli autori identificano come un “passato” unico da cui emergono due “futuri” distinti. Credit: Barbour et al.
L’immagine illustra la configurazione delle masse che evolvono sotto l’influenza della gravità newtoniana. Questi sistemi partono da un momento in cui la configurazione ha il minimo grado di complessità, che gli autori identificano come un “passato” unico da cui emergono due “futuri” distinti. Credit: Barbour et al.

Continue reading QUESITI E IPOTESI SULLA FRECCIA DEL TEMPO:UN PASSATO, DUE FUTURI

E se la materia oscura si consumasse?

È difficile immaginarselo visto che di essa nulla si conosce, ma la materia oscura starebbe consumandosi a favore dell’energia oscura. È quanto afferma uno studio condotto da un gruppo di ricercatori delle Università di Roma “La Sapienza” e Portsmouth, pubblicato su Physical Review Letters. Di Corrado Ruscita

La mappa dell’Universo ottenuta dalla survey SDSS. Ogni puntino rappresenta una galassia. Credit: SDSS
La mappa dell’Universo ottenuta dalla survey SDSS. Ogni puntino rappresenta una galassia. Credit: SDSS

 

Continue reading E se la materia oscura si consumasse?

Scoperto il pianeta poco puntuale si chiama PH3c

Le sue anomalie nei tempi di transito davanti alla sua stella madre avevano eluso gli algoritmi automatici che gli astronomi utilizzano per individuare gli esopianeti. Ma non gli occhi dei tanti volontari che partecipano al programma Planet Hunters. E così, dopo ulteriori indagini, ecco scoperto PH3c, un nuovo pianeta extrasolare. Il commento di Valerio Nascimbeni (INAF).Di Marco Galliani.

exoplanet-gas

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continue reading Scoperto il pianeta poco puntuale si chiama PH3c

Nuovo record di paracadutismo spaziale:Alan Eustace strappa il titolo a Felix Baumgartner

Sembra impossibile, eppure è così: il fantastico e spettacolare lancio da 39.000 metri di quota dell’austriaco Felix Baumgartner è stato battuto da Alan Eustace, 57 annivice presidente senior di Google.

Il nuovo record di paracadutismo spaziale è stato segnato venerdì 24 ottobre senza troppa pubblicità.

Continue reading Nuovo record di paracadutismo spaziale:Alan Eustace strappa il titolo a Felix Baumgartner

Mette paura la più grande macchia solare degli ultimi 25 anni. Allerta in vigore per la terra

Articolo pubblicato da www.meteogiuliacci.it

cLa regione attiva ora copre 2750/1000000 del disco solare, una superficie equivalente a alla superficie di 33 pianeti Terra. E ‘così grande che chi osserva il cielo può vederla ad occhio nudo, specie quando il sole è oscurato  da nubi basse o, come nel caso della foto, in occasione di nebbia fitta: Barry Freas ha scattato la foto in  il 26 ottobre da Red Hill, nel Kentucky.  Continue reading Mette paura la più grande macchia solare degli ultimi 25 anni. Allerta in vigore per la terra