Archivi categoria: Spazio

La NASA a convegno: “Prepariamoci alla scoperta degli Alieni”

Ci sono nella Storia (quella con la S maiuscola) dei momenti di passaggio fondamentali, delle fasi che segnano la svolta, delle epoche che cambiano il futuro dell’Umanità. Talvolta chi li vive si rende conto di essere all’inizio di una nuova era. Probabilmente è quello che sta accadendo alla nostra generazione, sul punto di scoprire- al di là di ogni ragionevole dubbio- l’esistenza di altre forme di vita nella galassia attorno a noi.

LA NASA SI PREPARA ALLA SCOPERTA DI VITA ALIENA
LA NASA SI PREPARA ALLA SCOPERTA DI VITA ALIENA

Continua a leggere

C’è acqua su quell’esopianeta

Gli scienziati hanno individuato il più piccolo Pianeta esterno al Sistema Solare con tracce di vapore acqueo nell’atmosfera.

C'è acqua su quell'esopianeta.
in foto: Rappresentazione artistica del profilo di HAT-P-11b (Image credit: NASA/JPL-Caltech)

Grazie ai dati raccolti dai telescopi spaziali Hubble, Spitzer e Kepler gli scienziati hanno osservato cieli limpidi e vapori d’acqua nell’atmosfera di un Pianeta collocato al di fuori del Sistema Solare. Il nuovo oggetto scoperto, che per il momento si chiama semplicemente con la sigla HAT-P-11b, ha dimensioni più o meno simili a quelle di Nettuno: questo ne fa il più piccolo esopianeta sul quale sia stata individuata acqua allo stato gassoso.

Continua a leggere

Non esistono i buchi neri secondo una nuova ricerca

buracos negros nao existem

I misteriosi buchi neri sono gli oggetti più scuri e densi nell’universo, neanche la luce riesce e sfugire .

Molto è stato teorizzato su di loro, ma una recente ricerca può portare tutto questo campo di studio sottosopra: durante l’unione di due teorie apparentemente contrastanti, Laura Mersini-Houghton, professore di fisica presso l’Università del North Carolina a Chapel Hill (USA), ha detto che è matematicamente dimostrato che i  buchi neri non esistono.

“Sono ancora sotto shock“, ha detto Mersini-Houghton. Stiamo studiando questo problema [di fondere due diverse teorie] da oltre 50 anni e questa soluzione ci molto da pensare.

I due casi citati dalla Mersini-Houghton è la teoria della gravità e della meccanica quantistica. Continua a leggere

L’acqua nel sistema solare?È più antica del Sole

Datata per la prima volta l’origine del ghiaccio presente nel Sistema solare: risale in buona parte a un’epoca precedente alla formazione della nostra stella. Brucato (INAF): «Si conferma così che le condizioni iniziali per la vita possono essere presenti anche in altri sistemi planetari». Di Marco Malaspina

Il viaggio attraverso il tempo del ghiaccio d’acqua, a partire dalla nube molecolare (in alto a sinistra), precedente alla formazione del Sole, giù attraverso tutte le fasi formazione stellare, fino a diventare parte d'un sistema planetario. Crediti: Bill Saxton, NSF / AUI / NRAO
Il viaggio attraverso il tempo del ghiaccio d’acqua, a partire dalla nube molecolare (in alto a sinistra), precedente alla formazione del Sole, giù attraverso tutte le fasi di formazione stellare, fino a diventare parte del sistema planetario. Crediti: Bill Saxton, NSF / AUI / NRAO

Continua a leggere

Lo spettacolo dell’esagono di Saturno l’enorme uragano studiato da Cassini

Sono decenni che questa tempesta a sei facce imperversa al polo Nord del sesto pianeta del Sistema solare. La sonda di NASA/ESA/ASI la monitora costantemente. In questa immagine, il vortice principale e quelli secondari sono stati ripresi grazie a diversi filtri.Di Eleonora Ferroni.

Uragano su Saturno. Crediti: NASA/JPL-Caltech/SSI/Hampton University
Uragano su Saturno. Immagine scattata il 4 dicembre 2013. Crediti: NASA/JPL-Caltech/SSI/Hampton University

    Continua a leggere

Spettacolare Animazione di un Impatto sulla Terra

 

Scene dell'animazione. Credit: SPLOID
Scene dell’animazione. Credit: SPLOID

Se pensiamo all’impatto di un corpo celeste con la Terra, solitamente ci viene in mente l’impatto che 65 milioni di anni fa ha sterminato i dinosauri. La Terra ha però subito cataclismi ben peggiori nella sua storia. Forse il più drammatico in assoluto è quello che ha dato vita alla Luna. Immaginiamo però un attimo che la Terra venga colpita da un corpo molto più piccolo del pianeta colpevole della nascita della Luna. Continua a leggere

Si fa presto a dire equinozio.Notte e giorno hanno durata differente

Oggi è l’equinozio d’autunno e ufficialmente termina l’estate e comincia la stagione autunnale. Nell’immaginario collettivo il dì e la notte avranno la stessa durata, mentre in realtà la differenza c’è.Di Francesco Aloisio.

L'autunno nell'emisfero Nord comincerà il 23 settembre alle 2.29 del mattino (GMT) Credit: Starry Night software
L’autunno nell’emisfero Nord comincerà il 23 settembre alle 2.29 del mattino (GMT) Credit: Starry Night software

Continua a leggere

WASP-18b il pianeta che fa sembrare la sua stella più vecchia di quanto sia realmente

WASP-18
Credit: X-ray: NASA/CXC/SAO/I.Pillitteri et al; Optical: DSS; Illustration: NASA/CXC/M.Weiss

Nuovi dati dell’Osservatorio della NASA Chandra X-ray dimostrano come un pianeta massiccio può influenzare la sua stella madre, facendola apparire più vecchia di quanto sia realmente.

La stella WASP-18 e il suo pianeta WASP-18b si trovano a circa 330 anni luce dalla Terra, nella costellazione della Fenice.
WASP-18b è un gioviano caldo: ha una massa circa 10 volte quella di Giove e completa un’orbita intorno alla sua stella, che ha circa la massa del nostro Sole, in meno di 23 ore (per un confronto, Giove ci impiega 12 anni per completare un’orbita intorno al Sole). Continua a leggere

Per la prima volta trovate oltre il sistema solare nubi d’acqua ghiacciata in una nana bruna

nana brunaNuvole d’acqua ghiacciata ‘intraviste’ per la prima volta al di fuori del nostro Sistema Solare, si troverebbero nell’atmosfera di una nana bruna, un ‘ibrido’ tra una stella e un pianeta gigante. Sono descritte sulla rivista Astrophysical Journal Letters dal gruppo dell’Istituto Carnegie di Washington coordinato da Jacqueline Faherty, che le ha osservate grazie al telescopio Magellano Baade. Quello che hanno visto gli astronomi non sarebbero semplici tracce di vapore d’acqua, ma vere e proprie formazioni nuvolose Continua a leggere